PROGETTO 611/615

 

Il programma di attività triennale presentato dal CNO prevede la realizzazione di misure in

tutti i sei ambiti previsti dal Reg. (CE) 615/2014 ed esattamente:

monitoraggio e gestione del mercato nel settore dell’olio di oliva e delle olive da tavola;

tracciabilità, certificazione e tutela della qualità dell’olio di oliva e delle olive da tavola;

miglioramento dell’impatto ambientale dell’olivicoltura;

miglioramento della competitività dell’olivicoltura attraverso la modernizzazione;

miglioramento della qualità della produzione di olio di oliva e delle olive da tavola;

diffusione di informazioni sulle iniziative svolte nei campi di cui alle precedenti misure.

 

Il progetto realizzato dalla O.P. Capo si basa sulle seguenti azioni:

Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell’olio di oliva e delle olive da tavola.

Il programma presentato dalla O.P. Capo nel settore del monitoraggio del mercato prevede la

realizzazione delle seguenti attività:

- Osservatori di mercato. Realizzazione di osservatori regionali, localizzati nei principali comprensori olivetati, per monitorare tutte le variabili di mercato alla produzione, per rilevare informazioni relative all’andamento dei prezzi all’origine in relazione alle quantità scambiate e monitorate, per monitorare i costi sostenuti dalle aziende nella produzione di olio vergine di oliva, per monitorare la campagna in termini di aspettative di produzione.

 

Tracciabilità, certificazione e tutela della qualità dell’olio di oliva e delle olive da tavola, in particolare mediante il controllo della qualità degli oli di oliva venduti ai consumatori finali.

Quest’attività si pone come macro obiettivo la certificazione delle produzioni per assicurare al consumatore la massima trasparenza dei processi produttivi e garantire il ritiro del prodotto in caso di emergenze alimentari. Si prevede la realizzazione delle seguenti azioni:

L’assistenza tecnica e la certificazione di diverse filiere produttive presenti nelle aree in cui opera la O.P. Capo. Per le filiere tracciate si prevedono investimenti finalizzati all’ammodernamento degli stoccaggi e delle linee di lavorazione.

 

 

Diffusione di informazioni sulle iniziative realizzate nelle altre misure del programma.

Reg. (UE) 611/2014 - 615/2014: progetto nazionale CNO – Regione Abruzzo

Miglioramento dell’impatto ambientale dell’oleicoltura

Le azioni proposte a favore di piano organico ed integrato di azioni finalizzato a creare un sistema produttivo capace di rispondere da un lato ai fabbisogni di servizi da parte degli olivicoltori, dall’altro alle esigenze del mercato in termini di qualità, salubrità e presentazione delle produzioni. Le azioni proposte pongono anche molta attenzione al nuovo ruolo che il produttore olivicolo è chiamato ad assolvere nella società come difesa, tutela del paesaggio e dell’ambiente rurale. Pertanto, le diverse azioni progettuali si propongono di supportare i produttori associati nell’operare in questo nuovo sistema produttivo che richiede l’introduzione d’innovazioni tecnologiche e dell’applicazione di nuovi sistemi di coltivazione e trasformazione del prodotto.

In particolare le azioni proposte nel progetto sono:

Misura 2b: elaborazioni di buone pratiche agricole per l'olivicoltura, basate su criteri ambientali adatti alle condizioni locali, nonché la loro diffusione presso gli olivicoltori e il monitoraggio della loro applicazione pratica.

 

 

Reg. (UE) 611/2014 - 615/2014: progetto nazionale CNO – Regione Abruzzo

In continuità con quanto realizzato nei precedenti programmi si prevede l’introduzione e l’applicazione pratica di un disciplinare di coltivazione integrata basato su criteri ambientali che prevede la riduzione dell’impiego di prodotti fitosanitari e l’applicazione di tecniche di conduzione agronomica dell’oliveto finalizzate alla salvaguardia dell’ambiente oltre che della salubrità del prodotto e della salute dell’uomo. Inoltre, l’azione prevede l’assistenza tecnica nell’applicazione di disciplinari di produzione biologica in aziende Bio o in conversione.

Misura 2c: dimostrazione pratica di tecniche alternative all'impiego di prodotti chimici per la lotta alla mosca dell'olivo, nonché progetti di osservazione dell’andamento stagionale. Si prevede l’attività di monitoraggio della mosca dell’ulivo nei principali comprensori olivetati italiani al fine di osservare l’andamento stagionale del patogeno al fine di allertare tutti i produttori di un comprensorio in caso del superamento dei livelli soglia di danno economico. Inoltre in alcune aree è prevista un’attività dimostrativa di lotta alla mosca dell’ulivo mediante l’impiego di trappole per la cattura massale e l’utilizzo di biocidi naturali.

Miglioramento della competitività dell’olivicoltura attraverso la modernizzazione

Misura 3a: Miglioramento dei sistemi d’irrigazione e delle tecniche colturali Si prevede un’attività di assistenza tecnica finalizzata all’introduzione di innovazioni nel processo di coltivazione dell’ulivo. In particolare si prevedono interventi sulle tecniche di concimazione e piani di difesa dell’olivo. Non è prevista la realizzazione di impianti di irrigazione.

Misura 3d: Iniziative di formazione e comunicazione. Si prevede la realizzazione di giornate informative rivolte ai consumatori e agli operatori di filiera con particolare riferimento a corsi di avvio all’assaggio finalizzati ad avvicinare consumatori e produttori al riconoscimento delle caratteristiche sensoriali degli oli.

 

 

Reg. (UE) 611/2014 - 615/2014: progetto nazionale CNO – Regione Abruzzo

Miglioramento della qualità della produzione di olio di oliva.

Misura 4a: Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione e connessa assistenza tecnica. L’azione sarà realizzata attraverso un servizio di assistenza tecnica alle aziende olivicole finalizzate a supportare i produttori nella coltivazione dell’uliveto attraverso l’introduzione dei più razionali e opportuni sistemi di lavorazione, potatura, difesa e raccolta del prodotto. Si prevede inoltre la realizzazione di attività di potatura in alcune aziende associate dei diversi comprensori della regione e il supporto alle aziende nella definizione ed identificazione dei periodi ottimali di raccolta delle olive. Per assicurare il miglioramento della qualità dell’olio si prevede anche l’acquisto di contenitori fessurati (bins e cassette) per assicurare un adeguato trasporto e stazionamento delle olive prima della trasformazione.

Azione 4d: Produzione e miglioramento per quanto riguarda aspetti inerenti la qualità dei prodotti. L’azione sarà realizzata attraverso un lavoro finalizzato a:

- migliorare gli aspetti che pregiudicano la qualità dell’olio;

- programmare la raccolta riguardo alla capacità di lavorazione degli impianti di trasformazione per permettere un’immediata lavorazione delle olive (entro le 24 ore);

- introdurre macchine e attrezzature che assicurano il miglioramento qualitativo delle produzioni.



 

MONITORAGGIO
IMPATTO AMBIENTALE
QUALITA'
TRACCIABILITA'

 

 

INFOLIO
BOLLETTINI FITOSANITARI